Reato omicidio stradale. Cambiamento culturale


Da anni, insieme a tanti familiari di Vittime e Associazioni, abbiamo manifestato, abbiamo fatto incontri pubblici e privati con deputati, senatori e anche magistrati. Siamo andati nelle scuole e continueremo a farlo per sensibilizzare i ragazzi. Siamo stati – e non è sempre facile per i familiari delle Vittime – in TV, a raccontare il nostro calvario, perché le persone si rendessero conto di cosa può provocare la mancanza di rispetto per le regole della strada in una famiglia. Perché si mettessero seduti al volante considerando un mezzo di trasporto un’arma bianca. Prima di noi altri si sono battuti e tutti hanno contribuito al raggiungimento di quello che forse non è il migliore risultato possibile, che deve e può migliorare, ma è un passo in avanti verso la civiltà e probabilmente verso strade un po’ più sicure.  Nonostante ciò già fervono le polemiche. L’unione, in Italia, è solo una illusione? Anche quando si tratta di difendere la vita?
Finalmente stiamo ottenendo un risultato. L’omicidio stradale sarà un reato a sè. E questo contribuirà a modificare l’approccio alla guida. Perché non saranno più incidenti, ma rati. Non saranno più incidenti ma omicidi.
Quando abbiamo cominciato a lottare, a batterci per l’introduzione del reato, già altri lo avevano fatto prima di noi ma il cambiamento culturale non era che un lumino lontano. Oggi è un faro. Perché alla fine è di questo che abbiamo bisogno. Le leggi, una volta approvate si possono migliorare. Non abbiamo vinto la guerra che fa migliaia di Vittime innocenti ogni anno, ma una battaglia importante l’abbiamo vinta! A tutti coloro che nei Palazzi o fuori dai Palazzi sono contrari diciamo questo: Comportatevi bene alla guida, non drogatevi e non ubriacatevi, non andate ad alta velocità e rispettate le regole e nessuno mai, nessun giudice potrà mai incolparvi di omicidio stradale! Ma soprattutto non avrete mai sulla coscienza la morte di una persona o l’invalidità di un’altra. La strada da fare è ancora lunga, ma ci sentiamo di essere fiere e contente di questo primo risultato concreto e importante. Fiere di tutto ciò che è stato fatto, da tutti quanti, senza mai cedere un istante.

Barbara Benedettelli ed Elisabetta Cipollone (mamma di Andrea de Nando, ucciso nel 2011 mentre attraversava la strada sulle strisce pedonali)

Cosa cambia: leggi

Published by

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...